4 dicembre 2013 ore 15.50, i gigli di Nola sono patrimonio UNESCO

baku

 

4 dicembre 2013 – di Alberto De Sena

 

DOCUMENTAZIONE UFFICIALE UNESCO

Consenso delle comunità – Inventario ICH 

 Relazione finale di approvazione (in inglese)



L’annuncio è arrivato quando in Italia erano le 15.50, la proposta n.° 8.16 al vaglio dei 24 membri del Comitato Intergovernativo per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale riuniti a Baku, in Azerbaijan, viene approvata in via definitiva. E’ un momento storico, Nola ed i gigli di San Paolino entrano di diritto nel patrimonio mondiale dell’umanità, ottenendo il sigillo UNESCO insieme alle tre gemelle Viterbo, Sassari e Palmi. Nella sala conferenze dell’Hotel Merriot di Baku scoppia l’applauso degli oltre 700 presenti, arrivati da ogni parte del mondo, in rappresentanza di 70 stati, mentre ad oltre tremila chilometri di distanza, a Nola, le campane di tutte le chiese iniziano a suonare a festa, è il segnale che un popolo intero aspettava, il matrimonio tra Nola e l’UESCO è cosa fatta.

Le prima dichiarazioni sono quelle del primo cittadino Geremia Biancardi, volato in Azerbaijan per l’occasione, che tramite il suo profilo facebook esprime tutta la sua soddisfazione: “la nostra storia, la nostra fede, il nostro dna di popolo nolano sono ricchezza universale” – scrive nel post il sindaco – “Ora tutto questo dovrà tradursi in nuove opportunità di crescita per Nola…Domenica sarà grande festa”.

Nola, Sassari, Viterbo e Palmi festeggeranno il riconoscimento proprio domenica prossima, 8 dicembre, in contemporanea. Il programma della manifestazione sarà ufficialmente presentato domani mattina presso la sala consiliare del comune di Nola in una conferenza stampa, ma l’assessorato ai beni culturali, presieduto da Cinzia Trinchese ha già comunicato quali saranno gli eventi principali della grande festa, che inizierà alle 16.30 quando da piazza Giordano Bruno partirà in sfilata il corteo storico degli Orsini, alle 18 dalla cattedrale usciranno invece le 9 bandiere delle corporazioni, che riceveranno la benedizione del Vescovo Mons. Beniamino Depalma. Previste a seguire l’esibizione della banda macedone “Agusevi Dzambo Orkestar” e delle fanfare nolane.

Intanto da questa mattina è in costruzione il “giglio-monumento” che stazionerà in questi giorni in Piazza Duomo, l’obelisco ha iniziato a prendere forma questa mattina verso le 8.30 ed i lavori continueranno nella mattinata di domani.

 


IL MOMENTO DELLA NOMINA UFFICIALE – (fonte Nuvla Onlus)

{youtube} lQRp6YDWquo {/youtube}