Fondazione VS Caccavale: Pace Fatta

 

Pace fatta tra la Fondazione Festa dei Gigli e il cantante Raffaele Caccavale. Dopo il disguido avvenuto tra una delle voce storiche della nostra festa e il consigliere d’amministrazione della Fondazione, Gaetano Fusco, durante la ballata dello scorso 28 giugno, arriva quindi il chiarimento tra le parti.

Durante un confronto, avvenuto tra gli interessati si è quindi fatto luce sulla vicenda che aveva tenuto banco negli ultimi giorni. Caccavale, durante la ballata di Domenica 28 giugno, non avrebbe accolto l’invito del rappresentate della Fondazione, Fusco, di interrompere temporaneamente ogni esibizione canora per la ridotta distanza tra il Sarto ed il giglio che lo precedeva (Il Fabbro). Non avendo riconosciuto nel sig. Fusco un rappresentate della Fondazione, Caccavale avrebbe risposto “ … ci fermiamo solo se ce lo dice il maestro di festa …”, la Fondazione ha preferito chiarire quindi la posizione di Caccavale, che rischiava una pesante  sanzione.

L’incontro ha chiarito che Caccavale non aveva dunque riconosciuto in Fusco un rappresentante della Fondazione, al quale ha precisato di non aver mai inteso mancare di rispetto o di disconoscerne il ruolo. Il caso era stato presentato durante il c.d.A. della Fondazione dello scorso 28 luglio.

Il ruolo della Fondazione – spiega il Presidente, Raffaele Soprano non è quello di erogare sanzioni disciplinari bensì quello di favorire la cultura della legalità del rispetto reciproco. L’esito della vicenda in esame costituisce prova di siffatto atteggiamento che la Fondazione, sin dalla sua nascita, porta avanti”.