Bettoliere, la Fondazione incontra i Maestri di Festa


 

Il giglio del Bettoliere è diventato il vero e proprio “caso” di questo Giugno Nolano edizione 2014. L’ennesima polemica è scattata nel pomeriggio di ieri, quando tramite i social network si è sparsa la voce insistente che a costruire il giglio sia una ditta di Barra, portando cosi ad una violazione del regolamento che la Fondazione Festa dei Gigli che prevede all’articolo 9 l’obbligo per i Maestri di Festa di adoperare per la costruzione del giglio le maestranze di una Bottega nolana.

 

Il chiarimento è arrivato nella giornata di oggi dalle parole del Presidnte Soprano : “La fondazione ha svolto la propria parte, si è adoperata per ricomporre la legalità e si è riservata ogni tipo di decisione alla scadenza fissata nei termini stabiliti con il responsabile della paranza ed il costruttore coinvolti nell’organizzazione del giglio del bettoliere, ovvero, entro le ore 12 di domani, venerdì 13 giugno”.

 

 

Intanto nel pomeriggio si è tenuto un incontro con i Maestri di Festa del Bettoliere presso il commissariato di Polizia di Nola, con la presenza dei rappresentanti dell’amministrazione comunale, della Fondazione e delle forze dell’ordine, per vagliare la presenza dei requisiti minimi per il regolare svolgimento della ballata. Rassicurazioni sono arrivate dal Maestro di Festa Ciccio Chiravalle, che ha tranquillizzato i presenti sul trasporto del giglio che sarà a cura della Paranza Simpatia, da lui stesso fondata. Sulla costruzione del giglio si è impegnata l’impresa costruttrice “ditta B&B” (bottega di Nola) di Giovanni Vecchione (detto Bebè) che ha esibito alla fondazione copia del contratto datato 12/06/2014 stipulato con Vittorio Maddaloni e sottoscritto un documento con il quale, sempre alla presenza delle forze dell’ordine ha dichiarato che la edificazione del Giglio del Bettoliere avviene nel rispetto delle norme di sicurezza elementari assicurando che i materiali da lui utilizzati sono idonei alla ballata e processione del giglio obbligandosi infine a consegnare il Giglio del Bettoliere al maestro di festa entro le ore 12 del 13 giugno 2014 nonché a fornire allo stesso il rivestimento del giglio. sicura di poter rispettare norme e tempi per la realizzazione della struttura.

 

E’ proprio questo passaggio a far storcere il naso al popolo nolano, infatti la bottega d’arte in questione era totalmente sconosciuta fino ad oggi, ed i molti concordano che l’escamotage, a pochi giorni dalla festa, abbia risolto una grana non da poco. Fatto sta che i lavori di costruzione del Bettoliere procedono, anche se a rilento, tanto che è stato necessario spostare l’alata della borda del giglio del Calzolaio, prevista nello stesso punto in cui la costruzione del Bettoliere viene eseguita, nei pressi di Via San Paolino, in una operazione più difficile del normale vista la presenza di spazi ridotti per issare le funi che lanciano la borda al cielo, magistralmente eseguita dalla Bottega d’arte Tudisco.