Settecento “capuzzelle” nolane nel nuovo poster di Pipariello

nuovo poster di PiparielloSono ben settecento le “capuzzelle” nella nuova versione dello “storico poster di Pipariello”. A distanza, infatti, di trent’anni (era il 1988), quando il compianto poeta, Salvatore Esposito, realizzò, armato di forbici e colla la prima versione del poster. La nuova versione è stata presentata presso il Museo Archeologico di Nola, gremito di curiosi, accorsi per provare a riconoscere i 700 protagonisti. La nuova versione è stata curata dagli eredi di Salvatore, Antonio e Mario, in collaborazione con la tipografia Scala. La scelta di alcuni degli scatti, come sottolineato durante la presentazione, è avvenuta in una chiave fortemente ironica, proprio nel solco della prima versione del poster.

nuovo poster di Pipariello, i protagonisti

Tra i protagonisti del poster, dunque ,tantissimi addetti ai lavori, tra cui capi-paranza, musicisti, cullatori ed i Maestri di Festa di questa edizione, omaggiati, durante la serata, con la lettura, in chiave teatrale, dei testi delle nove alzate di quest’anno, recitati dagli attori della Compagnia Teatrale Stabile Pipariello, accompagnati poi dalle note del “Salve o Nola”, intonato al sax dal Maestro Mario Pipariello. Le nove corporazioni hanno inoltre ricevuto un piatto in ceramica, realizzato dagli studenti dell’istituto “Leone – Nobile”, rappresentanti dal dirigente scolastico, Prof. Maria Teresa Palmieri. A fare gli onori di casa la giornalista Autilia Napolitano,  i rappresentanti dell’Associazione Amiamola 2.0, promotori dell’evento, e il direttore del Museo Archeologico di Nola, Giacomo Franzese. Personalmente vogliamo ringraziare la famiglia Pipariello per aver inserito tra i 700, anche una rappresentanza della nostra redazione.