Made in Sud, Clementino e Avitabile chiuderanno il Giugno Nolano

conf_programma

 

7 giugno 2013 – di Alberto De Sena


NOLA – Presentato ufficialmente questa mattina, nell’Aula Consiliare del Palazzo di Città, il programma degli eventi per l’edizione 2013 del Giugno Nolano. Un’edizione pensata in particolare per i giovani, senza dimenticare le manifestazioni che oramai sono da anni parte integrante del cartellone degli eventi nel mese dei gigli, il tutto nel pieno rispetto della tradizione e del momento di crisi economica che il paese attraversa. A presentare alla stampa il calendario degli eventi ed il nuovo manifesto, realizzato a partire da uno scatto della reporter Laura Lezza, il Sindaco Geremia Biancardi, l’assessore ai Beni Culturali Cinzia Trinchese, Il dirigente dei Beni Culturali Felice Maggio, ed il presidente della fondazione Festa dei Gigli Raffaele Soprano. Ad aprire la conferenza un video che introduce a tutti i principali eventi che nei prossimi giorni animeranno Nola ed il suo centro storico, cui segue un videomessaggio di Enzo Avitabile, che con i bottari, animerà Piazza Duomo nella serata del mercoledì successivo alla ballata, sul palco nella stessa serata il rapper Clementino, ad animare la giornata di martedì 25 sarà invece parte del cast della fortunata trasmissione Rai “Made in Sud”, in particolare saranno sul palco scenico la presentatrice Fatima Trotta, il trio dei “Ditelo voi”, Nello Iorio ed i “Due x Duo”.


“Un’edizione, quella di quest’anno, ancora più importante in vista del sigillo UNESCO”, esordisce l’assessore Trinchese, “diverse manifestazioni consolidate saranno presenti anche quest’anno come il Corteo Storio degli Orsini, ampio spazio alla musica con il recupero di una grande manifestazione come “la musica dei gigli in concerto”, e novità assolute proposte dalle associazioni cittadine. In tempi di crisi abbiamo tentato di valorizzare le risorse del territorio che, a costo zero, si sono riunite in una rete in modo sinergico ponendo le giuste basi per l’organizzazione della kermesse, in particolare con l’apporto dei giovani”.

Le serate del dopo ballata saranno invece organizzate grazie al contributo di sponsor, ma si punta anche al rilancio del decoro della città con piante e addobbi floreali che saranno posizionati in  Piazza Duomo e lungo tutti i balconi dei primi piani nelle strade in cui il 21 passerà il busto di San Paolino.

Ad intervenire è poi il presidente della fondazione Soprano: “dobbiamo tenere alle spalle gli episodi che si sono verificati l’anno scorso che appartengono ad un passato che non fa parte della nostra storia, della tradizione della festa dei gigli di Nola. Questo è l’anno zero, un anno nel quale ci attendono molti impegni, la grande novità è la direzione artistica affidata al Maestro Roberto De Simone, la festa si muove su un percorso nuovo, dedito alla cultura e al rinnovamento totale, un lungo tragitto che ci poterà al sigillo UNESCO nel prossimo dicembre”.

Il dirigente dei Beni Culturali Felice Maggio, comunicando che la cifra stabilita per il costo dell’organizzazione degli eventi non dovrebbe superare i 65 mila euro, sottolinea che si è puntato al risparmio economico e alla totale trasparenza degli atti amministrativi, il rendiconto totale della festa verrà, infatti, reso pubblico al termine delle manifestazioni di questo mese.

Chiude la conferenza stampa l’intervento del primo cittadino: “Ho mantenuto con la promessa di sganciare la politica dalla festa, l’amministrazione sarà al fianco della fondazione nella compilazione del programma del prossimo anno, ma sarà la fondazione ad organizzare e gestire tutti gli aspetti della festa, l’amministrazione comunale sarà del tutto fuori dalla festa”.

Biancardi comunica che dal prossimo anno la conferenza stampa di presentazione della festa si terrà a Napoli, presumibilmente presso la sede della Camera di Commercio, per dare maggiore importanza a una festa che secondo il sindaco ha bisogno di vetrine nazionali ed internazionali, lanciando poi monito ai nolani: “I giovani, insieme alla fondazione, devono prendere per mano questa festa, per un anno intero dovrà esserci una fattiva collaborazione per migliorare sempre di più, se ciò non accade la festa dei gigli cadrà nelle mani delle forze malsane che ne prenderanno il controllo, e questo sarebbe inaccettabile, bisogna emarginare chi vuole il male di questa festa. Intorno alla festa dovrebbero lavorare gli artigiani locali, ma il comune è tenuto per legge a fare delle gare che vengono che si aggiudica chi propone i prezzi più bassi, da oggi in poi, come del resto molto probabilmente è stato in passato, si deve lavorare liberi, non si deve essere grati a nessuno se si monta un palco o un impianto audio, lo si fa perché si è ricevuto l’appalto del servizio dopo aver vinto la gara”.

  

La conferenza si chiude con il capitolo De Simone, in particolare sul compenso che il Maestro riceverà per la direzione artistica della kermesse nolana, a sciogliere ogni dubbio è il presidente della fondazione Soprano “Roberto De Simone lavorerà principalmente per l’edizione 2014, con un occhio di riguardo in particolare a quello che è il suo settore di competenza, ossia sulle musiche e sui testi. Anche se sono stati presi tutti gli accordi, non è stato ancora firmato ufficialmente un contratto, che sarà reso noto non appena sarà sottoscritto dalle parti”.