Riaperti i termini per il Bettoliere. Insuperabile e Raffaele Caccavale a rischio sanzioni.

 

 

La Fondazione Festa dei Gigli riapre i termini per l’assegnazione del Bettoliere 2016. Sembra essere arrivata ad un punto di svolta la diatriba che ha tenuto banco nell’ultimo mese in tema gigliante. Durante il c.d.A. del 28 Luglio, la Fondazione ha infatti deliberato per la riapertura dei termini per la presentazione delle domande per gli aspiranti Maestri di Festa del Bettoliere 2016, revocando di fatto l’assegnazione, deliberata lo scorso 7 luglio, quando il sig. Giuseppe Mazzocchi veniva investito del ruolo di Maestro di Festa, dopo la rinuncia del Sig. Felice Piccolo.

La revoca delle concessione si è resa necessaria, secondo il C.d.A., dopo la visione di materiale fotografico e messaggi apparsi sui social network, in cui Mazzocchi risulta essere già tra i Maestri di Festa del Panettiere 2016. Vista la mancanza di ulteriori domande si procederà quindi con la riapertura dei termini di consegna delle domande, la nuova scadenza è fissata per il giorno 1 settembre 2015 alle ore 12, mentre l’apertura delle buste è prevista per il giorno successivo, 2 settembre, alle ore 12 presso l’aula consiliare del Comune di Nola.

 

“Abbiamo ristabilito la legalità ed il rispetto delle regole”. Così il presidente della Fondazione Festa dei Gigli, Raffaele Soprano, ha commentato la proprio delibera: “Il consiglio di amministrazione, dopo un’attenta analisi del materiale probatorio acquisito è pervenuto alla conclusione che nel caso in esame si era al cospetto di una vera e propria cessione del Giglio in questione da parte dell’assegnatario in favore di terzi. Hanno determinato siffatto convincimento sia la circostanza che l’assegnatario Mazzocchi ostentava attraverso striscioni di essere già maestro di festa del Panettiere 2016, sia la circostanza che esso Mazzocchi aveva rilasciato a terzi deleghe scritte tese alla totale gestione del Bettoliere 2016. La cessione a terzi del Giglio – ha tuonato – Soprano – è atto che viola sia le norme regolamentari sia ogni elementare norma etica che va tenuta sempre presente ancor più nell’ambito di una Festa che si celebra in onore del Santo copatrono. Lo avevamo annunciato nei mesi scorsi: questo tipo di comportamenti non saranno più tollerati”.

 

Durante il c.d.A si è discusso anche di alcuni provvedimenti disciplinari da infliggere agli addetti ai lavori per le violazioni del regolamento durante la ballata del 28 giugno scorso. In particolare, al vaglio della commissione legalità sono il comportamento della Paranza Insuperabile, che trasportava il giglio del Beccaio, che in zona Carceri eseguiva 2 girate, da regolamento è possibile effettuare una sola girata.

Sempre in zona “Carceri” è stata segnalata dal consigliere Fusco un’altra criticità, coinvolti il giglio del Fabbro e del Sarto. Secondo Fusco, presente sul luogo, il giglio del Sarto si sarebbe avvicinato fino ad arrivare a meno di 50 metri dal giglio del Fabbro. All’ invito del consigliere, al Capoparanza, al cantante e alla divisione musicale del Sarto, di sospendere temporaneamente l’esibizione musicale, in attesa che il Fabbro si allontanasse dalla posizione occupata, il Capoparanza, Vincenzo Scala, avrebbe, secondo quanto riportato dal verbale del C.d.A., risposto “Perché, diamo fastidio?”, mentre il cantante, Raffaele Caccavale avrebbe risposto, sempre secondo Fusco “…ci fermiamo solo se ce lo dice il Maestro di Festa”. Da qui la decisione del C.d.A. di acquisire i filmati per vagliare la posizione dei soggetti interessati e per procedere, eventualmente, alla apertura di procedimenti disciplinari a carico di Raffaele Caccavale.

 

Dal c.d.A. arriva inoltre l’autorizzazione per il Sig. Pasquale Coppola a procedere al restauro della bandiera della corporazione del Salumiere.

 

Qui il verbale completo del c.d.A.

http://www.fondazionefestadeigigli.it/wp-content/uploads/2015/07/Verbale-assemblea-28.07.2015.pdf