Da Baku a Nola, conto alla rovescia per l’UNESCO

baku

(l’inizio dei lavori a Baku – unesco.org)


3 dicembre 2013 – di Alberto De Sena


NOLA – Da ieri (2 dicembre, ndr) i 24 membri del Comitato Intergovernativo per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale sono riuniti a Baku, in Azerbaijan, per l’ottava sessione ordinaria, con il compito di esaminare in via definitiva le candidature pervenute per l’assegnazione del sigillo UNESCO che verrà assegnato per l’Italia alla “Rete delle grandi macchine a spalla” di cui fanno parte i Gigli di Nola, la Macchina di Santa Rosa di Viterbo, i Candelieri di Sassari e la Varia di Palmi.

Oltre 700 i partecipanti all’incontro, provenienti da ben 70 paesi del mondo (fonte unesco.org), a rappresentare la città bruniana il Sindaco Geremia Biancardi, partito ieri per l’Arzebaijan. Intanto in città fervono i preparativi in vista di domenica 8 giorno in cui Nola, in contemporanea con Viterbo, Sassari e Palmi, festeggeranno l’agognato traguardo, un iter partito nel 2006 che tra ostacoli e divisioni si è concretizzato negli ultimi tempi. Il programma dei festeggiamenti è già pronto, si attende solo l’ufficialità del sigillo per condividerlo con la popolazione, ad annunciarlo è l’assessorato ai Beni Culturali, presieduto da Cinzia Trinchese. Intanto secondo indiscrezioni inizierà nella giornata di domani la costruzione del giglio-monumento che stazionerà nella centrale Piazza Duomo, palcoscenico principale della festa eterna ed ovviamente sede dei festeggiamenti. La Fondazione esporrà il calendario degli eventi nella conferenza stampa prevista per giovedì alle ore 12 presso la sala consiliare, ma oltre al giglio già annunciato, sicure anche la sfilata del Corteo storico degli Orsini e delle nove bandiere delle corporazioni, confermata anche la presenza dell’orchestra macedone Adusavi Dzambo Orchestra Rider, dovrebbe inoltre esserci un collegamento in streaming con le altre città “gemelle”, maggiori dettagli nelle prossime ore.